Sicilia

COLTIVAZIONE ORIGINE CONTROLLATA

L'arancio dolce è l'agrume più coltivato al mondo grazie alla sua capacità di adattarsi a condizioni ambientali diverse. La sua presenza risale già ai tempi antichi in Cina e in Indocina, dove si ritiene si sia generato per mutazione dell'arancio amaro. Sono stati gli Arabi a introdurre gli aranci in Asia Minore, in Egitto, nel nord Africa e in Europa.


In Sicilia, durante la dominazione araba (IX-XI secolo d.C.), vennero impiantati aranci amari e limoni nei cosiddetti giardini, termine tuttora utilizzato, evocativo della funzione ornamentale che inizialmente ebbero nell'isola. Dalla seconda metà del 1800 gli aranceti rappresentano il caratteristico paesaggio siciliano delle campagne, dove se ne coltivano diverse varietà.



Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. In nessun modo vengono utilizzati cookie di profilazione.
Continuando la navigazione senza apportare modifiche alle vostre impostazioni, confermate di voler accettare tutti i cookie impiegati dal nostro sito.
Per ulteriori informazioni vi invitiamo a leggere "la sezione dedicata alla gestione dei cookie".

Continua Maggiori informazioni